Niente punti di penalizzazione  Lecco, per ora solo buone notizie
Mister Alessio Delpiano, Angelo Battazza e il direttore generale Emanuele Riboldi

Niente punti di penalizzazione

Lecco, per ora solo buone notizie

Il Tribunale Federale della Figc ha assolto i blucelesti per le vertenze di Vignali e Pergreffi - L’ex amministratore Meregalli è stato squalificato sette mesi - Il dg Riboldi: «Ora attendiamo fiduciosi gli altri sei casi»

Niente punti di penalizzazione per le vertenze Vignali e Pergreffi. E anche per le altre cinque “pendenti”, il Lecco ora spera di non avere conseguenze ulteriori se non quella di aver dovuto pagare i debiti fatti da altri. Condannato a sette mesi di squalifica, invece, l’amministratore unico Sandro Meregalli. È questo l’esito della sentenza del Tribunale Federale Nazionale della Figc, sezione disciplinare, che nel condannare Meregalli ha dichiarato improcedibile il deferimento nei confronti della Calcio Lecco 1912 Srl in fallimento per intervenuta revoca dell’affiliazione della Società deferita.

È stata, questa, la soluzione più logica e anche di buon senso, anche se presa a termini di diritto e non di ragionevolezza. Il fatto che la nuova società sia “altra cosa” rispetto a quella passata, visto anche il pagamento del debito sportivo dell’“altra” Calcio Lecco, è stato sancito dal TFN. E così, pagati comunque i giocatori Paolo Vignali e Antonio Pergreffi, resta solamente la condanna a Sandro Meregalli.

La stessa cosa dovrebbe essere anche per le vertenze pendenti promosse dall’ex allenatore Luciano De Paola, dal difensore Marco Turati, dall’attaccante José Joelson e dal centrocampista Luca Baldo e il giocatore De Lucia. I precedenti fanno giurisprudenza, ma il collegio giudicante sarà diverso, per cui bisognerà andarci cauti.

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 2 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare