Martedì 17 maggio 2011

Monte Marenzo: timori
per il futuro "Fond Metalli"

MONTE MARENZO - Rimane critica la situazione alla Fond Metalli di Monte Marenzo, l'azienda non investe e sposta i macchinari alla sede di Treviso. E così i 57 dipendenti dello stabilimento lecchese sono molto preoccupati per il futuro. L'azienda da oltre un mese ha avviato una ristrutturazione che prevede il trasferimento di gran parte dei macchinari dei due reparti – che si occupano della saldatura di nastri metallici e della spirallatura degli stessi – dalla sede di Monte Marenzo a quella di Treviso. I lavoratori, di cui 35 in cassa integrazione straordinaria dallo scorso mese di ottobre e 22 in contratto di solidarietà, stanno assistendo allo svuotamento della fabbrica. Inutili i tentativi di dialogo avviati da parte del sindacato: "Per protesta i lavoratori dalla scorsa settimana hanno scioperato un'ora la settimana – racconta Domenico Alvaro della Fiom Cgil – ma senza ottenere nulla da parte dell'azienda, che si rifiuta di dare risposte a questi lavoratori che alla fine di ottobre si troveranno senza ammortizzatori sociali e di questo passo senza un lavoro". Immediato l'interessamento del sindaco di Monte Marenzo che ha incontrato una rappresentanza dei lavoratori e il sindacato: "Abbiamo spiegato al sindaco la situazione e quest'ultimo ha richiesto un incontro all'azienda, il cui esito non ha dato molte speranze per il futuro occupazione dei 57 lavoratori di Monte Marenzo". Per questo il sindaco ha richiesto all'amministrazione provinciale l'apertura di un tavolo di crisi industriale, per cercare di evitare che a pagare le conseguenze della difficile situazione della Fond Metalli siano i lavoratori, che rischiano di perdere il posto di lavoro. La Fond Metalli Conveyors, specializzata nella produzione di nastri metallici per trasportatori, 57 dipendenti di cui 23 donne, già da tempo si trova in una situazione di difficoltà economica, provocata dalla crisi del settore metalmeccanico e dalla carenza di lavoro.

g.morassi

© riproduzione riservata

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare